Giulio Donati on Uefa.com: “I tell you my Champions League”

Un anno e mezzo di Champions League. La competizione alla quale tutti sognano di prendere parte. Giulio Donati la sta vivendo da protagonista dal 17 settembre del 2013, quando esordì nel massimo palcoscenico continentale sul tappeto verde dell’Old Trafford in Manchester United-Bayer Leverkusen. Con il club tedesco il difensore italiano rappresentato da Silvio Pagliari sta vivendo la sua seconda avventura in Champions: ottavi di finale lo scorso anno, ottavi di finale, ancora da giocare, in questa stagione. In attesa di affrontare i vice campioni in carica dell’Atletico Madrid, Giulio ha raccontato la “sua” Champions League a Uefa.com.

UEFA.com: Anche quest’anno il Leverkusen ha disputato un’ottima fase a gironi qualificandosi per gli ottavi. Soddisfatto?

Giulio Donati: Il nostro obiettivo era quello di passare il turno e ci siamo riusciti. Siamo contenti di ciò che abbiamo fatto perchè vincere due partite contro lo Zenit non era per niente facile soprattutto là in Russia. C’è, forse, un pò di rammarico perchè potevamo raggiungere il primo posto e ce lo siamo visti sfuggire via all’ultima partita.

UEFA.com: Contro i russi hai segnato il tuo primo gol con il Leverkusen e in UEFA Champions League…

Donati: L’avevo cercato nel primo tempo ma senza fortuna, ho ritentato nella ripresa e mi è andata meglio. Sono davvero soddisfatto. E’ qualcosa che non ritengo frutto della casualità, nel senso che quest’anno stiamo dedicando molto tempo alle conclusioni, allenandoci una o due volte a settimana sotto questo aspetto.

UEFA.com: Cosa si prova a segnare in Champions League?

Donati: E’ stata indubbiamente un’emozione incredibile perchè è stato il mio primo gol e soprattutto perchè è arrivato in Champions League, la massima competizione a livello di club per un giocatore. E’ un sogno che si è realizzato.

UEFA.com: Qual è il giocatore che più ti ha impressionato in Champions?

Donati: In questa edizione penso che Hulk sia stato il giocatore più forte e interessante contro cui abbia giocato. L’anno scorso ho incontrato il Manchester United e potrei citarne tanti, ma direi [Wayne] Rooney.

UEFA.com: Qual è un tuo pregio sul rettangolo verde?

Donati: Un aspetto di cui vado fiero è la mentalità, cerco di essere sempre concentrato per tutto l’arco dei 90 minuti. Penso sia una cosa importante per un giocatore. A questi livelli basta una singola disattenzione che vieni inevitabilmente punito.

UEFA.com: Agli ottavi sono approdate quattro squadre tedesche, una sola italiana. Perchè questa differenza?

Donati: In Italia abbiamo perso un pò a livello di ranking, sono due le squadre che vanno dirette in Champions League mentre qui tre. Un aspetto che incide è indubbiamente quello economico perchè non permette alle società di acquistare grandi campioni. Un’altra differenza tra Italia e Germania sono certamente le strutture, qui sono davvero all’avanguardia.

UEFA.com: Agli ottavi ve la vedrete contro l’Atletico, cosa ti piace della squadra di Simeone?

Donati: Sono una squadra che unisce una grandissima mentalità e forza agonistica a importanti qualità tecniche. Talvolta capita che squadre più tecniche manchino di cattiveria. Loro, invece, sono sempre concentrati e allo stesso tempo hanno grandissime doti tecniche.

UEFA.com: Come affronterete una squadra del genere?

Donati: Sicuramente cercheremo di fare come sempre il nostro gioco. Crediamo molto in questo, ci ha portato a ottenere buoni risultati quindi cercheremo in tutti i modi di essere noi stessi attuando un calcio fatto di pressing e ripartenze veloci.

UEFA.com: La Juventus giocherà contro il Borussia Dortmund del tuo amico Ciro Immobile. Come vedi questa sfida?

Donati: La Juventus è la migliore squadra in Italia in questo momento ma non deve lasciarsi ingannare dal fatto che il Borussia non stia facendo bene in campionato. In Champions sono totalmente un’altra squadra. Sarà una bella sfida, aperta e la Juve potrà giocarsela alla grande.

UEFA.com: Ci pensi alla Nazionale?

Donati: Il mio obiettivo è quello di fare bene qui a Leverkusen, la nazionale penso sia eventualmente una conseguenza. Naturalmente sarebbe un sogno se arrivasse la convocazione.

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Facebook

 

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating application. Application has been deleted.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.

Contatti

 
Sede di Tolentino
+39 0733 962029
info@playermanagement.eu
Largo ’815, n. 12
62029 Tolentino (MC), Italy
P. IVA 01772870430
Privacy Policy - Cookie Policy

Contatti

 
Sede di Roma
+39 389 0671088
info@playermanagement.eu
Piazza G. Marconi, 14D
00144 – Roma, Italy